Begin main content


Se sei già registrato puoi accedere direttamente ai servizi altrimenti devi registrarti

 ATTENZIONE

LA SCADENZA PREVISTA AL 30 APRILE 2017, E' STATA PROROGATA AL

30 SETTEMBRE 2017

 

 

 

 

Provincia di Taranto

nuove regole, nuovi vantaggi, maggiore efficienza

L’energia è un bene che dobbiamo imparare ad amministrare, non solo perché è una risorsa limitata e costosa ma anche perché riducendo i consumi limitiamo l’inquinamento atmosferico. Ognuno di noi può contribuire ad una riduzione dei consumi energetici e conseguentemente migliorare le condizioni ambientali solamente dedicando un po’ più di attenzione al proprio impianto di riscaldamento. Almeno quanto ne dedichiamo alla nostra automobile: infatti, una piccola caldaia ha la stessa potenzialità di un’utilitaria e ambedue consumano energia e inquinano l’ambiente. Le leggi vigenti rendono obbligatoria la manutenzione e la conduzione di tutti gli impianti termici funzionanti con combustibili liquidi o gassosi e impongono un controllo periodico sia dello stato di manutenzione dell’impianto sia del rendimento di combustione del gruppo termico mediante il proprio manutentore.

Tali controlli fanno risparmiare combustibile e migliorare fino al 10% il rendimento della caldaia compensando abbondantemente i costi di manutenzione. Né è da sottovalutare il vantaggio in termini di sicurezza che si consegue con una buona manutenzione dell'impianto termico.

Questo sito intende essere un primo mezzo di informazione che gli enti propongono ai propri cittadini desiderosi di sapere di più sul controllo e la manutenzione degli impianti termici nel rispetto delle leggi. Un particolare ringraziamento a tutte le Associazioni, enti, che collaborano alla riuscita del progetto.

      


AVVIATE LE PROCEDURE DI
ISPEZIONE ED ACCERTAMENTO
DEGLI IMPIANTI TERMICI

PER LA CITTÀ DI TARANTO

 

Con l’entrata in vigore del d.lgs. 192 del 2005, così come modificato ed integrato dal D.P.R.  del 16 aprile 2013, n. 74  e del Regolamento Regionale n. 24 del 27/11/07, sono state definite le procedure che regolano l’esercizio, il controllo e manutenzione, nonché l’ispezione degli impianti termici.

COMPETENZA

Per gli impianti ubicati nel territorio dei comuni della Provincia di Taranto, compreso il Comune di Taranto, l’Ente responsabile delle ispezioni sul corretto esercizio e manutenzione degli impianti termici è la Provincia di Taranto. Giusta nota della Regione Puglia prot. AOO_159/0003056 del 20/05/2014.

Con Delibera di Consiglio Provinciale n.  99 del 05/10/2015 (pubbl. Albo Pretorio On Line, numero di registro 1905 del 23/10/2015 dal 23/10/2015 al 07/11/2015) avente ad oggetto “Oneri per tariffe e diritti di segreteria connessi a procedimenti di competenza provinciale – ricognizione, modifiche e nuova istituzione” sono state approvate le tariffe relative alla gestione del Servizio, anche per il comune di Taranto;

CHI E’ INTERESSATO E COSA FARE 

Secondo la normativa il responsabile dell’impianto termico (cioè il proprietario dello stesso, l’occupante dell’appartamento o l’amministratore nel caso di condominio) ha l’obbligo di fare effettuare periodicamente, sul proprio impianto termico, le operazioni di manutenzione e di controllo di efficienza energetica.

Il responsabile che non provvede affinché siano eseguite le operazioni di manutenzione e di controllo di efficienza energetica secondo le prescrizioni della normativa vigente, è punito con la sanzione amministrativa non inferiore a 500 euro e non superiore a 3.000 euro.


CHI PUÒ EFFETTUARE LE MANUTENZIONI

Le operazioni di manutenzione e di controllo di efficienza, devono essere affidate a un’impresa di manutenzione ed installazione di impianti di climatizzazione in possesso dei requisiti stabiliti dal D.M. 37/08 (Ex Legge n. 46/90).

 

PRESENTAZIONE RAPPORTO TECNICO DI CONTROLLO E MANUTENZIONE

 

Alla fine delle operazioni di controllo e manutenzione, l’impresa di manutenzione ha l’obbligo di rilasciare al responsabile d’impianto il Rapporto di Controllo di Efficienza Energetica (All.to II tipo 1), come previsto dal Decreto ministeriale 10 febbraio 2014, il quale ne firma copia per presa visione.

 

Modalità di consegna dei modelli:

Per i Responsabili d'Impianto

 

1) l'all.to II tipo 1, scaricabile alla sezione "Documentazione Operativa" del portale, completa  del versamento può essere consegnato:

·          a mano presso la Provincia di Taranto - via Anfiteatro, 4 - 74123 - Taranto;

·          inviato tramite raccomandata indirizzata a: Provincia di Taranto - Impianti Termici - via Anfiteatro, 4 - 74123 - Taranto.

 

2) Il versamento che può essere effettuato:

·          sul c/c postale n" 3588638 intestato a "Provincia di Taranto";

·          con bonifico bancario IBAN:IT85J0760115800000003588638;

        precisando la causale "PROVINCIA di TARANTO VERIFICA IMPIANTI TERMICI - SERVIZIO TESORERIA";

·          · con il Bollino Verde.

Costi e periodicità di tutte le fasce potenza di impianti a metano.

intervallo di potenza in kW     periodicità di presentazione del RCEE                           costo 
< 35 (*)                                                       due anni                                             €    20,00 
da 35 a 116,3                                                un anno                                             €    40,00 
da 116,4 a 350                                              un anno                                             €    60,00 
oltre 350                                                      un anno                                             €   100,00 

(*) Solo per la città di Taranto si applica la sola periodicità biennale per gli impianti > a 35 kW. Dal 1° maggio 2017 tale disposizione si applicherà su tutto il territorio provinciale.

 

Per i Manutentori

 

Le modalità di presentazione possono essere:

1.     Per raccomandata indirizzata a: Provincia di Taranto - Impianti Termici - via Anfiteatro, 4 - 74123 - Taranto.

2.     A mano presso la Provincia di Taranto - via Anfiteatro, 4 - 74123 - Taranto;

3.     Attraverso il portale digitando il link: http://portal.taranto.iter-web.it/

 

Nel caso si scegliesse di utilizzare il portale, si rammenta che è indispensabile caricare il borsellino elettronico, e, per accelerare i tempi di accreditamento, darne notizia, attraverso l'invio per email, (catasto.termico@provincia.ta.it) della relativa ricevuta.

 

L'iban è:  IT85J0760115800000003588638;

nella causale va indicato:

·          PROVINCIA di TARANTO VERIFICA IMPIANTI TERMICI - SERVIZIO TESORERIA;

·          Ragione sociale (con cui ci si è registrati) e codice Iter.

 

SCADENZA DELLA FASE TRANSITORIA

 

In virtù delle circostanza verificatasi nel Comune di Taranto, si è prevista una fase transitoria, per permettere a tutti i Responsabili di Impianto di provvedere agli adempimenti previsti dalle norme vigenti, individuando tale periodo dal 15 ottobre 2016 al 30 aprile 2017.

Tutti coloro che non provvederanno ad adempiere alle attività previste e darne comunicazione, come sopra specificato, alla Provincia di Taranto, saranno oggetto delle attività previste dalle vigenti norme.

 

ULTERIORI INFORMAZIONI

 

Per ulteriori informazioni sarà possibile rivolgersi ai seguenti recapiti:

Servizio Impianti Termici, via Anfiteatro n. 4, 74123 - Taranto – tel. 099-4587200

dal lunedì al venerdì:  dalle ore 9,00 alle 12,30 e dalle 15,00 alle 16,30

o scrivere al seguente indirizzo di posta elettronica :   catasto.termico@provincia.ta.it





Normative:  E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 27/06/2013 il DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 74  - Regolamento recante definizione dei criteri generali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per la preparazione dell'acqua calda per usi igienici sanitari, a norma dell'articolo 4, comma 1, lettere a) e c), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192. (13G00114) (GU Serie Generale n.149 del 27-6-2013)
note: Entrata in vigore del provvedimento per le parti applicabili: 12/07/2013

NB. Siamo in attesa dei decreti attuativi

Normative: Pubblicato in Gazzetta Ufficiale (GU n. 130 del 05/06/2013) il Decreto Legge 4 giugno 2013, n. 63, che apporta alcune modifiche al Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192.  



 

  


­

angolo